Author:

32 thoughts on “Come NON fare Influencer Marketing”

  • Immagini aeree Salvatore Cassese says:

    Se lascio un commento sotto un tuo video dovrei quasi pagarti, quanto ti devo? 😅 Pienamente ragione! Complimenti come al solito Monty!

  • Runner451 Sport says:

    I professionisti studiano, gli altri sparano nel mucchio, pescano a strascico. C'è chi deve vedere che ha fatto il compitino e chi è interessato davvero al risultato. I professionisti mettono il loro know how e sanno quando si ferma il loro pezzo e quando affidarsi ad altri professionisti (come dici bene "ma io conoscerò meglio di te la mia community). I professionisti danno il giusto valore a ciò che comprano, differenziano, non sprecano, ma non offendono. Purtroppo tra offerta e domanda i professionisti sono davvero pochi, oppure per fortuna, perchè possiamo incazzarci o vederlo come opportunità.

  • Alessandra Cartocci says:

    se fai ancora una sigla così, giuro, ti mando il mio Corso di Canto gratuitamente! Senza nemmeno chiederti pubblicità!!!

  • Secondo me le aziende spammano questi messaggi a migliaia di influencer sperando che qualcuno abbocchi, e mettendo caso che abbocchi anche lo 0.1% degli influencer, loro hanno un sacco di pubblicità ad un prezzo irrisorio.

  • Ladyy Cartman says:

    Io ho smesso di seguire un sacco di gente così: all'inizio super interessanti, poi tutta pubblicità e zero contenuti.

  • Vallad Centrius says:

    If you're interested in ways to improve your influencer marketing ventures, phlanx is a really great platform for this

  • Monty, ma non eri tu quello che avevi detto che se hai la possibilità di lavorare coi pezzi da 90 è lecito farlo gratis? In passato avevi fatto un esempio del tipo che se puoi allenarti 6 mesi in NBA dovresti farlo gratis… se l'azienda fattura 1 miliardo l'anno sarà una top, giusto?
    O sei come Renzi e Jovanotti, lavorare gratis solo quando tocca agli altri, ma tu vuoi sempre essere pagato il giusto?
    Perché se nemmeno 5k bastano allora non capisco: in molti dei tuoi video ti premuri di ricordarci che hai una community "piccola", ma poi vuoi guadagni da top?

  • In una mail mi è anche capitato che questi signori mi imponevano di pubblicare i contenuti creati direttamente da loro. Roba da ridere!

  • Antonio Catani says:

    Io faccio tutto un altro lavoro, ma mi sembra l,ogico che prima di proporre cose e scrivere il compenso, come minimo chiederei di vederci per parlarne, se possibile, poi vediamo il come e il compenso.

  • influencer marketing is pretty effective in reaching a larger audience. Micro influencers are the most prefered as they are cheaper and has a more specific audience. Also, the phlanx influencer marketing platform is worth looking into for connecting with influencers and brands.

  • Marco io vorrei sapere quale sarebbe la cifra corretta per un post su instagram di una persona che ha 1 milione di follower, come si può stimare?

  • Studio Veterinario - Dott. Roberto Bonetti says:

    Monty hai ragione. Ma ricordiamo al popolo del web che manager che conosci bene pagavano in visibilità oppure ti chiedevano di far lavori gratis per opportunità future. Manager che han dominato la piattaforma Youtube per anni.

  • Daniele Subry says:

    Penso che per i 500€ dipenda molto da chi sei e che pubblico hai. Come giustamente hai detto se sei uno sbarbato ed è nuovo del settore 500€ sono tanti, per te oppure per altri saranno pochi. C'è anche da dire che ce ne sono ormai tantissimi che fanno questo quindi la concorrenza è tantissima.
    Mi ricordo io quando avevo 16 anni e andavo a fare il DJ nei localetti sfigati della mia zona, 50 euro per la serata + bere e mangiare. Lo so era poco ma quanti ragazzini cerano come me che andavano anche per meno? Tantissimi!! è vero che se volevi il famoso della situazione (sempre riportato alla mia realtà) chiedeva 400/600 per stare 2h ma lui aveva un pubblico che lo seguiva, era sicuramente più bravo di me ecc

  • Confermiamo con rammarico le esperienze negative… Ma non solo le aziende fanno così, noi siamo stati contattati più volte da GRANDI giornali che ci hanno offerto "qualche centinaio di euro" per un video (che a noi tra ricerca e realizzazione costano settimane se non mesi di lavoro)…

  • "Dev'esserci una logica dove il punto di partenza deve essere sempre l'utente finale, è un contenuto utile per lui? Sì o no. Se è solo una marchetta spudorata… Non serve a una mazza"

    Applausi.

  • AMEN. A me giuro che l’altro giorno un azienda mi ha offerto 25€… 25 EURO!!!!! 😂😂😂😂 più il prodotto in omaggio ovviamente, che quello si che fa la differenza 😂

  • Andrea Feduzzi says:

    É pieno di incompetenti. Le aziende di marketing non hanno un idea di come funziona il web. Meglio contatto diretto tra azienda ed influencer

  • Il problema, come per tutte le attività, è che le aziende va a finire che trovano quello che si piega ed accetta, facendo un danno a se stesso ed a tutti quelli che operano nel suo settore (ma essendo miope non lo vede ovviamente) …… il problema dunque sono i professionisti (ognuno nel suo), siamo noi a dover dire no, ma tutti, altrimenti ci troviamo soli e fuori mercato…..ma il mercato a sua volta muore perchè le cifre non lo sostengono.
    Un cliente dovrebbe imparare a dire cosa vorrebbe e sentire come si può ottenere ed a quale costo, oppure spiegare il proprio obiettivo e mettere sul piatto il budget, per sentirsi dire cosa eventualmente si può fare di buono con i fondi a disposizione, nella direzione della meta individuata.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *